Imprese

10 agosto 2018Silvia Pagliuca

Smart building e giardino pensile per l'headquarter di Markas

L'edificio è il primo progetto registrato in Italia secondo il protocollo "Well". Una concezione innovativa basata su 7 pilastri: benessere psicofisico, comfort, movimento, luce, alimentazione, acqua e aria

Sarà alto 40 metri, ospiterà 10 piani di uffici, rigorosamente in classe energetica A, ed è il primo progetto registrato in Italia secondo il protocollo “Well - new and existing buildings”. Markas, azienda altoatesina leader nel settore della pulizia, della ristorazione collettiva e dei servizi complementari, si prepara a inaugurare la sua nuova sede: un edificio innovativo nelle forme e nella filosofia costruttiva, con cui l’azienda rinnova il proprio legame con la città di Bolzano. Il nuovo palazzo, caratterizzato da una diagrid esterna, ovvero da una struttura in acciaio con elementi triangolari e travi di supporto in diagonale (sul modello del celebre Swiss Building di Londra e dell’Hearst Headquarters Tower di New York), sorgerà nella zona produttiva dei Piani a Bolzano, a pochi metri di distanza dall’attuale sede. I lavori, attualmente in corso, dovrebbero concludersi entro la fine dell’anno, tanto che l’azienda conta di potersi trasferire nei nuovi uffici già a gennaio 2019. «Siamo molto emozionati: la nuova costruzione incarna i valori in cui crediamo da sempre, richiama le nostre origini, rinnova il legame con il territorio a cui apparteniamo e guarda avanti, facendo dell’innovazione e del benessere le linee guida per il nostro futuro» - dichiara il direttore generale, Evelyn Kirchmaier-Kasslatter.

Il well building

A ispirare l’arredamento dell’edificio, pianificato coinvolgendo direttamente i collaboratori, sono stati i principi del protocollo “Well”, standard internazionale che valuta la qualità di una struttura in base agli input positivi generati sulla salute e sul benessere psicofisico delle persone che vi abitano. Basandosi su un approccio integrato alla sostenibilità, prevede un impegno congiunto su sette fronti: il benessere psicofisico, il comfort, il movimento, la luce, l’alimentazione, l’acqua e l’aria. La nuova sede dell’azienda, in cui prevarrà un uso diffuso del vetro, sarà infatti particolarmente orientata al green con tante aree verdi, un attesissimo giardino pensile al quarto piano e numerosi spazi aperti. Le postazioni di lavoro ergonomiche saranno dotate di un sistema di controllo della luce diurna che rifletterà l'andamento naturale della giornata e di un sistema di oscuramento automatico che eviterà l’esposizione diretta alla luce del sole. E in caso di scarsa luminosità esterna, il sistema di illuminazione adatterà in maniera intelligente il colore della luce così da fornire la migliore visibilità. Inoltre, già durante la fase di costruzione, tutti i materiali utilizzati saranno testati per verificare la presenza di sostanze nocive e per mantenere ai massimi livelli non solo il fattore luce, ma anche la qualità dell’aria. Anche in questo caso, sarà un sistema smart a monitorare le condizioni climatiche e di temperatura per garantire un consumo energetico ridotto e un ambiente assolutamente confortevole. I lavoratori potranno inoltre avere a loro disposizione non solo aree ufficio (quasi 300 le postazioni previste, con una sala convegni da 200 persone e 20 sale riunioni), ma anche spazi per la socializzazione (dall’area cucina alla mensa, dalla caffetteria alla palestra) e location di maggiore privacy in cui rilassarsi e rigenerarsi per qualche minuto o in cui lavorare in maniera più concentrata. E non è tutto, nell’edificio, saranno presenti anche un parcheggio multilivello e una rimessa per le biciclette, ogni area sarà caratterizzata da un colore simbolo e saranno adottati strumenti specifici per controllare i rumori esterni e interni, proprio come richiesto dalla certificazione “Well”.

Nuove aree verdi

Inoltre, Markas allestirà nuove aree verdi all’esterno della sede piantando alberi lungo i marciapiedi e valorizzando la piazzetta antistante all’edificio con un giardino, mentre con il Comune di Bolzano saranno riqualificate alcune zone critiche del quartiere come incroci, marciapiedi e strisce pedonali, ed è in corso la valutazione del potenziamento tecnologico dell’area attraverso l’introduzione del teleriscaldamentoTutti elementi con cui la nuova sede, una volta ultimata, punterà a ottenere la certificazione “Well” sottoponendosi a una valutazione di auditor americani che verificheranno l’adempienza dell’edificio ai criteri previsti dallo standard. «Viviamo questo momento di cambiamento come una grande sfida che porterà non solo a un’espansione fisica dell’azienda ma anche alla creazione di nuovi posti di lavoro» – annuncia il direttore generale. «Negli ultimi anni siamo cresciuti molto e continueremmo a farlo mettendo sempre le persone al centro. Il nuovo edificio – assicura -  è il simbolo di questo modus operandi e dell’incredibile dinamismo che ci caratterizza».