Green

7 giugno 2016Enrico Albertini

Il fotovoltaico «sposa» il design: arrivano i pannelli curvi

Contributo fondamentale dell'Eurac di Bolzano per una nuova frontiera dell'energia solare

Ondulati, pronti a seguire le pieghe di qualsiasi superficie. Oppure semisferici e comunque in grado della massima resa. In altre parole: un matrimonio fra fotovoltaico e design, sotto forma di una nuova tipologia di pannello cattura sole messa a punto anche grazie all’Eurac di Bolzano, il centro di ricerca privato dove si guarda costantemente al futuro.

Ed è così che si è risolto un problema estetico senza intaccare la resa tecnologica: i pannelli fotovoltaici attuali sono dei grandi rettangoli, spesso scuri, il cui impatto visivo non è certo fra i migliori. La percezione non è piacevole: vengono infatti visti come un qualcosa di estraneo all’ambiente nel quale sono inseriti. Ma nel giro di qualche tempo l’ostacolo sarà superato: ellittici, ondulati, curvi e semisferici, saranno i pannelli ad adattarsi ad oggetti e ambienti, non viceversa. Questi sono i risultati della nuova frontiera della ricerca che accoppia resa energetica rinnovabile e design. Uno dei prototipi è un lampione di design con pannelli fotovoltaici a forma semisferica e a resa energetica solare massimizzata. Il promotore del lampione fotovoltaico è Siarq Advanced Solar Design, azienda spagnola con base a Barcellona.

I ricercatori dell’Eurac sono parte del team formato da 11 partner, guidato dall’Università tecnica di Vienna. Eurac ha coordinato la fase di sviluppo e progettazione dei prototipi, effettuando studi di ottimizzazione e modelli matematici durante tutta la fase di produzione. Nei laboratori di Bolzano sud sono state svolte simulazioni grazie a tecnologie e macchinari innovativi che hanno permesso di testare e migliorare alcune caratteristiche prestazionali dei prototipi, fornendo quindi un supporto tecnico e scientifico a designer e architetti.

Inoltre, i ricercatori hanno realizzato un particolare modulo fotovoltaico per superfici curve, che potrebbe diventare un vero e proprio complemento architettonico ed estetico di edifici e altre costruzioni. A questi, si aggiungono oggetti più comuni, come una radio, una lampada portatile, una custodia per tablet, e una tenda “solare” riavvolgibile. Tutti questi prodotti contengono moduli fotovoltaici che ne garantiscono il funzionamento attraverso energia solare. Non solo: sono stati testati prototipi come una cover per tablet, una radio, veri e propri componenti costruttivi. Il mercato del design apre così le porte a un nuovo segmento che promette interessanti sviluppi.

La maggior parte dei prototipi sono ora in una fase di industrializzazione e saranno a breve disponibili sul mercato, fornendo una prova tangibile di come il fotovoltaico possa essere integrato in varie applicazioni in modo versatile e flessibile.