Innovazione

10 aprile 2017Enrico Albertini

Fibra e banda ultralarga, Huawei sceglie l’Alto Adige come laboratorio per testare la nuova rete

Presentato un progetto altamente innovativo che vede insieme Alperia e il colosso della telefonia. Così il territorio diventa sempre più smart. Previsti 120 milioni di euro di investimenti per favorire imprese e cittadini

Un sistema di rete a fibra ottica unico a livello europeo, per fornire la massima digitalizzazione possibile a imprese presenti sul territorio e ai cittadini. Ci sono infrastrutture sotterranee, veicolate da chilometri e chilometri di cavi, che possono rendere più smart un territorio. Ed è questo l’obiettivo del progetto di Alperia, il provider di energia elettrica, e Hauwei, colosso della telefonia, che vede proprio l’Alto Adige come territorio pilota. Un’innovativa rete a banda ultralarga pronta a trasformare la provincia di Bolzano in una delle aree più digitali d’Europa. Un progetto che, va da sé, sta già facendo parlare molto: è stato infatti presentato al CeBIT 2017 di Hannover, la più importante fiera sulle nuove tecnologie a livello mondiale e anche durante un convegno dell’Eurac a Bolzano. Si tratta di una soluzione innovativa, applicata per la prima volta in Europa, sicura e altamente scalabile che utilizza una piattaforma integrata in grado di gestire, attraverso un unico sistema di management, più tecnologie diverse. Così l’Alto Adige punta a diventare una delle regioni più smart d’Europa senza tradire la vocazione di sostenibilità e attenzione all’ambiente. Natura e tecnologia, ancora una volta, viaggiano allo stesso passo.

Alperia vuole essere protagonista nello sviluppo in chiave digitale dell’Alto Adige. «Per concretizzare questa vision nei prossimi cinque anni attueremo investimenti per lo sviluppo della smart region Alto Adige nell’ordine di 120 milioni di euro», conferma il direttore generale della società Johann Wohlfarter. Col progetto smart region vuole Alperia rendere possibile la creazione di un’infrastruttura capillare che sia funzionale allo sviluppo tecnologico e un aggiornamento delle reti, come ad esempio l’Internet of Things, in breve IoT.

«Nello sviluppo delle infrastrutture di telecomunicazione in Alto Adige Alperia può sfruttare importanti sinergie, dal momento che tra reti elettriche e di teleriscaldamento siamo in possesso di 9mila chilometri di reti, il che ci dà la possibilità di lavorare in modo efficiente sia dal punto di vista delle tempistiche che dei costi», spiega Sergio Marchiori, Amministratore delegato di Alperia Fiber, affiliata di Alperia. Oltre ad occuparsi dell’ampliamento della rete, Alperia Fiber provvederà anche ad illuminarla.  «La realizzazione di un tale sistema per l’Alto Adige è stata resa possibile grazie alla collaborazione con il colosso di telecomunicazioni Huawei – spiega Alessandro Cozzi, Country-Director Enterprise di Huawei Italia – ed è la prima realizzazione di questo tipo in Europa». Un primato tecnologico per dare ancora una marcia in più alle imprese altoatesine.