Digitale

2 novembre 2017Stefano Voltolini

Carte addio, tutto digitale: così l'export diventa più facile

Alto Adige all’avanguardia in Italia. Il progetto della Camera di Commercio abbatte la burocrazia e spinge le imprese del territorio nella competizione globale

Procedure sempre più veloci e digitali per spingere le imprese altoatesine nella competizione globale. L’innovazione compie un altro passo in avanti in Alto ADige. La camera di commercio di Bolzano - che assieme alla Provincia ha costituito IDM, l’azienda speciale per lo sviluppo del territorio (che è anche l’ente gestore del NOI Techpark) - è la prima in Italia a digitalizzare tutto il processo di emissione dei certificati d’origine e delle fatture per l’export. Ma non è questa l’unica attività rivolta alla crescita delle aziende per l’ente presieduto da Michl Ebner. Dal 2018, attraverso una rete di esperti, verranno aiutate tutte le imprese interessate ad adattare il proprio modello commerciale alle nuove sfide digitali.

Esportazioni più facili dunque: negli ultimi anni il servizio per le imprese esportatrici è stato ottimizzato e accelerato grazie ai vari processi di digitalizzazione. Nel 2016 quasi due terzi degli 11.200 certificati d’origine e circa la metà dei 25.800 visti sono stati richiesti alla camera di commercio per via telematica. Da questo terreno è nata la sperimentazione che si concluderà a breve. L’ente ha avviato, in collaborazione con le imprese altoatesine Loacker e Spedition Brigl, una fase di prova di tre mesi per estendere la digitalizzazione alla parte ancora mancante del processo.

L’intera procedura digitale

Finora era possibile inoltrare telematicamente i documenti per il commercio estero e i certificati d’origine grazie al programma WebCo, pagando con carta di credito. Tuttavia, il documento timbrato a mano doveva ancora essere ritirato fisicamente presso la camera di commercio. Ora la procedura è stata completamente digitalizzata: alle due imprese i certificati d’origine e le fatture export, elaborati e approvati dalla camera di commercio, vengono restituiti digitalmente, in modo da poterli stampare direttamente in azienda. La Spedition Brigl – società di Bolzano del settore logistica e trasporti – ha presentato nel 2016 6.822 richieste; 4.030 invece per la Loacker, colosso del food altoatesino e nota soprattutto per i celebri wafer. Il servizio telematico ha comportato un enorme risparmio di tempo per le due realtà. La novità però sarà presto per tutti. Dopo la fase di prova, a partire dal 2018, quella di Bolzano sarà la prima camera di commercio in Italia a offrire questo servizio alle imprese.

«Il nostro obiettivo è elaborare telematicamente almeno il 90% delle richieste relative a documenti per il commercio estero, come del resto succede già in Austria e in Germania» spiega Alfred Aberer, segretario generale dell’ente. «A livello nazionale l’Alto Adige ricopre già ora un ruolo di avanguardia in questo campo: un vantaggio che vorremmo ampliare ulteriormente a favore delle nostre imprese». Tutte le informazioni sono consultabili online. «Su http://www.digital.bz.it gli interessati potranno informarsi sull’attuale offerta di servizi e di formazione della camera di commercio nel campo della digitalizzazione - aggiunge Aberer -. Intendiamo sostenere le imprese locali affinché possano affrontare con successo le sfide e i processi di trasformazione digitale».

Oltre allo sportello già esistente per i servizi digitali – come la fatturazione elettronica, la firma digitale, l’identità digitale (SPID), il portale online per gli appalti provinciali (SICP) e le carte tachigrafiche digitali – la camera di commercio bolzanina offrirà in futuro ulteriori servizi per le imprese altoatesine. Il WIFI, il servizio di formazione e sviluppo del personale della camera di commercio, propone un’ampia gamma di misure formative per preparare le imprese al futuro digitale. L’offerta di eventi informativi e seminari su temi digitali verrà ampliata anche nel corso del 2018.

Inoltre, il reparto Sviluppo d’impresa sosterrà dall’anno prossimo, attraverso una rete di esperti, tutte le imprese interessate allo sviluppo di una strategia per la digitalizzazione o all’adattamento del modello commerciale alle nuove sfide digitali. Le attività economiche riceveranno anche importanti informazioni introduttive sul commercio elettronico e sulle principali normative da osservare per la presenza in internet o la gestione di uno shop online.