Green

14 giugno 2016Domenico Lanzilotta

Un nuovo modello di edilizia in armonia con l'ecosistema

In un incontro a Milano eccellenze provenienti da tutta Italia faccia a faccia con il sistema Alto Adige. «La sfida? Non smettere mai di puntare su ricerca e sviluppo»

Una grande storia altoatesina e l’esperienza di una selezione di aziende ad alto tasso d’innovazione rappresentative dell’Italia intera. Al centro del confronto, un nuovo modello di edilizia capace di guardare all’ambiente e di puntare tutto sulla ricerca e le tante possibilità che l’ecosistema Alto Adige può offrire a chi cerca di fare impresa in un modo differente. È questo, in poche righe, il senso della tavola rotonda promossa da IDM alla Dreamfactory di Milano a inizio giugno. Ospite d’onore dell'incontro moderato da Emil Abirascid, il cofondatore e Ceo di Airlite, Antonio Cianci, che ha raccontato ai partecipanti – imprenditori e professionisti del settore edilizia – il valore aggiunto rappresentato dal sistema Alto Adige. «Ci siamo sentiti fin dall’inizio sostenuti e accompagnati – ha raccontato Cianci – in ogni aspetto del nostro fare impresa: dall’individuazione degli spazi al sostegno nella ricerca, senza contare l’innegabile plus del trovarsi in un luogo che per la sua stessa natura sa offrire ispirazione senza sosta».

Decisamente interessato all’esperienza di Airlite, come pure alla presentazione dell’ecosistema Alto Adige curata da Petra Seppi, Investment Consulting & Promotion IDM, si è dimostrato Fabrizio Chiara, fondatore di Iloox, azienda produttrice di pannelli solari evoluti, capaci di “camuffarsi” in superficie tanto da sembrare invisibili. «Il modello di Vertical innovation proposto dall’Alto Adige – ha raccontato Chiara – significa tante cose, ma secondo me è soprattutto un invito a specializzarsi su verticalità specifiche, su mercati ben definiti ai quali offrire prodotti unici». Guarda in alto anche Luca Gentilcore di Leapfactory, azienda che progetta e realizza edifici ad alta efficienza e basso impatto: «Vertical Innovation – spiega – è un’immagine che per noi, che veniamo dalle montagne tra Piemonte e Valle d’Aosta, significa tantissimo. Le montagne sono il nostro laboratorio: le condizioni estreme, il dialogo con una natura forte e incontaminata ci aiutano a creare prodotti di eccellenza assoluta». Dalla Puglia arriva invece l’esperienza di Gemanco Design, azienda di Modugno (Bari) che produce mosaici e rivestimenti in resina ad altissimo livello di personalizzazione: «Il concetto di Vertical Innovation – racconta la sales manager Romina Ripani – rappresenta una sfida chiara: quella a non smettere mai di fare ricerca e sviluppo, a guardare sempre un po’ più in alto e a offrire prodotti sempre nuovi al mercato».