Smart mobility

16 novembre 2017Enrico Albertini

Dai concorsi alle startup, 3 milioni di chilometri in bici per salvare l'ambiente

In Alto Adige sempre più Comuni, associazioni e cittadini scelgono una mobilità sostenibile. Risparmiate 300 tonnellate di CO2. E le due ruote diventano laboratorio di innovazione

Altri 3,1 milioni di buoni motivi per scegliere l’Alto Adige come meta di lavoro e di vita. Tanti quanti i chilometri percorsi in bici dai 3.326 partecipanti del concorso «Alto Adige pedala», arrivato ormai alla quarta edizione. Con numeri sempre in crescita, e non a caso. La mobilità sostenibile è sempre più uno stile di vita diffuso nel territorio altoatesino. Muoversi evitando il traffico, senza impatto per l’ambiente: i chilometri percorsi dai partecipanti hanno risparmiato l’emissione di 300 tonnellate di CO2 nell’ambiente. Unendo l’attenzione per un mezzo di trasporto che per gli altoatesini è qualcosa di più: un laboratorio di innovazione. Vale la pena andarsi a leggere tre startup che lavorano per rivoluzionare il mondo delle due ruote e che vi abbiamo raccontato. E-bike con pannelli solari integrati al telaio, talmente eleganti da piacere anche i manager con l’auto sportiva in garage. Caschi di nuova generazione, flessibili, in elastomero, che fanno diventare obsoleti quelli in polistirene. Sensori antifurto collegati allo smartphone o al pc del proprietario per «tracciare» la bici rubata e localizzarla. 

I numeri del concorso

Ed ecco quindi la carta di identità del concorso: 3.326 partecipanti per 3,1 milioni di chilometri. Di questi ben 2.272 dei partecipanti hanno pedalato per oltre 100 chilometri. E fra loro ci sono 110 datori di lavoro, 69 Comuni, 30 associazioni e 18 scuole e istituzioni formative. Tra il 22 marzo e l'8 ottobre 2017 hanno percorso in bici più di 100 chilometri, oggi sono stati insignite alcune categorie particolari di partecipanti e fra i 25 partecipanti selezionati sono stati estratti a sorte vari premi, come ad esempio buoni da 300 euro per soggiorni in un bike-hotel in Alto Adige, o per un viaggio in bici di cinque giorni. Quale premio principale è stata estratta a sorte una bicicletta pieghevole. Soddisfatto per la partecipazione l'assessore provinciale alla mobilità Florian Mussner. «Il numero delle persone coinvolte e quello dei chilometri percorsi testimoniano che la bicicletta quale mezzo di trasporto a emissioni zero e di supporto alla salute assume sempre maggiore importanza, un segnale anche in concomitanza con la ricorrenza dei 200 anni della bicicletta – ha detto. La mobilità significa futuro ed è un'opportunità per migliorare: la Provincia di Bolzano negli ultimi 20 anni ha realizzato una rete ciclabile di oltre 500 chilometri investendovi 150 milioni di euro».

La pubblica amministrazione va in bici

Tra i premiati, il ciclista più giovane, Alexander Kofler della Val Sarentino classe 2015, quello più anziano, Luciano Benacchio, anno 1934, quelli con più chilometri percorsi, per gli uomini, Edi Rizzi di Val Sarentino con 20.500 chilometri, e per le donne, Gabi Winck di Bressanone, con 8.409 chilometri. Inoltre, sono stati insigniti Comuni, aziende e associazioni, o con la più alta percentuale di partecipanti o con il più alto numero di chilometri percorsi. Tra i Comuni virtuosi, Plaus che si riconferma al top della categoria per la seconda volta. Seguono Dobbiaco e Lana, dove nella primavera 2018 per un mese sarà messa a disposizione degli abitanti una cargobike. Tra le grandi aziende spicca la Provincia con circa 280mila chilometri percorsi dai suoi dipendenti. In rappresentanza dell'Amministrazione provinciale, l'assessora al personale Waltraud Deeg ha preso in consegna il premio. «Il movimento è importante per il corpo e per lo spirito. Quale più grande datore di lavoro in Alto Adige è pertanto importante che l’Amministrazione provinciale abbia una funzione d’esempio, tenendo sempre d’occhio la salute dei propri dipendenti. Per tale ragione il nuovo riconoscimento conseguito al cicloconcorso costituisce un segnale di rilievo per i collaboratori, ma anche per altre aziende», ha affermato l'assessora Deeg. L'Alpenverein Südtirol con il 100% di collaboratori partecipanti emerge tra le aziende della sua categoria, ma anche quale associazione a livello provinciale con più chilometri percorsi, circa 370mila.